Il risultato finale, di certo, non rende onore alla prova d’orgoglio e caparbietà messa in campo dalle ragazze dell’HC Fidaleo Fondi. Al termine di un match dai vari volti, le più esperte ragazze del Teramo portano a casa l’intera posta in palio (29-35).

Partivano benissimo le padrone di casa, giocando in velocità e limitando anche qualche errore del singolo rispetto alle gare precedenti. L’equilibrio durava poco perché, dopo una fase di studio, le rossoblù - trascinate dall’ottima e mobile difesa e dal cinismo di D’Ambrosio e Saraca - si portavano sul +3. A quel punto, verso la fine del primo tempo, le fondane commettevano quattro errori che permettevano alle teramane di chiudere in vantaggio di +3 il primo tempo (12-15). Tutto sommato, nonostante il risultato, il primo tempo è stato di ottima caratura: giusta mentalità, bella e buona pallamano, mobilità difensiva (6/0,  5/1 e, in alcuni tratti, anche 4/2 e 3/3), recuperi palla e velocità. La differenza tra le due squadre è stato il modo in cui le avversarie hanno approfittato degli errori delle fondane, cosa che queste ultime non hanno fatto.

Nel secondo tempo partivano molto forte le padrone di casa, recuperando subito due gol. A quel punto, anche a causa di qualche chiamata arbitrale, la squadra ospita allungava di nuovo. Cresceva, inevitabilmente, la tensione in campo. Al termine di una concitata azione, il tecnico fondano veniva escluso temporaneamente e le rossoblù erano costrette a giocare in sei contro un Teramo facilitato da tale situazione tattica. Manzo e compagne non mollavano di un centimetro e si riportavano sotto, nonostante le due reti annullate ingiustamente alla giovanissima Di Fazio. A quel punto, per un fallo da dietro delle ospiti non sanzionato, Macera veniva espulso per proteste. Negli ultimi 10′ le rossoblù continuavano a giocare la loro onesta partita, in modo ancora più compatto sino al suono della sirena che decretava il 29-35 finale.

“Abbiamo giocato una bellissima partita e stiamo dando continuità alle prestazioni - commenta il tecnico rossoblù Damiano Macera -. Sono contento perché tutte le ragazze stanno crescendo e sto avendo tanti riscontri, anche dalle più piccole. Saraca sta maturando nel suo ruolo di terzino destro e sinistro; Rial ci sta aiutando a crescere in difesa, ma la sua mano si sente anche in avanti; D’Ambrosio si conferma un’ottima giocatrice; Peppe ha sempre ottime percentuali. Quella, tra tutte, che ha sofferto un po’ di più la marcatura delle avversarie è stata il nostro pivot Amicucci, che ha disputato comunque una buona gara”. Il tecnico fondano ha così concluso: “Purtroppo ci ritroviamo pur sempre a parlare di una sconfitta, ma sono sicuro che i risultati arriveranno. Oggi noto che purtroppo l’unico neo, oltre il risultato, è stata la mia espulsione”.  

 

HC Fidaleo Fondi - Teramo  29-35 (P.T. 12-15)

HC Fidaleo Fondi: Agresti, Amicucci, D’Ambrosio 6, De Filippis, Di Fazio, Giardino 2, Guglielmo, Lombardi, Mar. Manzo, Man. Manzo 6, Peppe, Plavljanic 1, Rial 4, Saraca 9, A. Zizzo 1, C. Zizzo . All. Damiano Macera.

Teramo: Bonfini, Canzio 6, Capone 6, De Angelis, Di Giacomo 2, Di Giulio 3, Di Teodoro, Falini, Fini 1, Krease 10, Macinati, Macrone, Palarie 7, Paolucci. All. La Brecciosa.

Arbitri: Alborino-Farinaceo.

 

Giorgio di Perna - Area Comunicazione Handball Club Fondi